Documenti per l’esportazione
12 Aprile 2016
Cosa fare per il trasloco?
20 Ottobre 2020
Show all

Traslochi Nazionali

Traslocare in un’altra città può essere impegnativo, sia dal punto di vista organizzativo sia per i costi che comporta. Per svolgere tutte le operazioni in maniera efficiente ed economica, è meglio affidarsi ad un’azienda specializzata. Vediamo insieme quali sono le variabili da tenere in considerazione e alcuni consigli utili per affrontare questo momento con serenità.

Quanto costa il tuo trasloco nazionale?

Il prezzo può variare notevolmente a seconda delle tue esigenze. In relazione al budget e alle tempistiche di cui disponi, puoi scegliere se fare parte del lavoro da solo o affidarti completamente ad un’azienda per un preventivo gratuito. Quasi mai la prima azienda che consulti è quella giusta, per questo ti offriamo la possibilità di confrontare più offerte e preventivi.

Quando affidarsi ad una ditta di traslochi?

Se stai pensando di trasferirti in un’altra città, magari anche cambiando regione, questo prevede quasi sempre una lunga distanza da percorrere e quindi hai bisogno, per uno o due giorni, di un camion e del personale specializzato.

A maggior ragione se:

  • hai poco tempo a disposizione (per motivi di lavoro, perché devi lasciare l’abitazione entro una certa data);
  • le operazioni di assemblaggio sono particolarmente complesse;
  • hai molti mobili o sono ingombranti;
  • il punto di partenza e quello di arrivo hanno problemi di accessibilità (non c’è l’ascensore).

Il vantaggio di affidarsi a professionisti è la possibilità di risolvere tutti gli aspetti del trasloco in poco tempo, senza il rischio di danneggiare i propri oggetti personali e senza doversi preoccupare dell’imballaggio, dell’assemblaggio e del trasporto.

Le utenze luce gas?

Quando ci si trasferisce in una nuova casa, i casi possibili di trasferimento delle utenze sono:

  1. Allacciamento: quando c’è assenza di contatore. Bisogna richiedere l’allaccio, cioè il collegamento di un nuovo impianto alla rete di distribuzione;
  2. Subentro: il contatore è già presente ma non è attivo;
  3. Voltura: il contatore è attivo, ma il contratto di fornitura è intestato ad un altro cliente.

Una fornitura elettrica può essere monofase o a contatore trifase. Cosa significa e come scegliere il contatore adatto alle tue esigenze di consumo? Scopri quali differenze ci sono nell’attivazione di un nuovo contatore monofase o trifase e quali sono i costi per la sostituzione del contatore monofase.

Traslocare in Italia sarà così un’operazione semplice ed indolore, nessuno stress, nessuna sorpresa, un servizio professionale di traslochi  che si adatta alle tue esigenze.

Comments are closed.