Traslochi Nazionali
20 Ottobre 2020
Show all

Cosa fare per il trasloco?

Cambiare casa e traslocare è un evento impegnativo non solo emotivamente, anche  fisicamente. E’ dimostrato, infatti, che traslocare è tra le cause di stress maggiori, ed è la terza causa di stress psicologico dopo il lutto e la separazione.

Ecco perché è importante consultare e chiedere l’aiuto di esperti, per non sovraccaricarsi di responsabilità. Di seguito alcuni suggerimenti per vivere al meglio ciò che un trasloco comporta e ridurre al minimo lo stress psico-fisiologico:

  • Appena si viene a conoscenza del fatto che si debba traslocare o si decide di traslocare è bene fare una cernita di ciò che si desidera portare nella nuova casa. Quest’operazione ti permetterà di capire se procedere autonomamente con l’imballo dei materiali o se richiedere l’aiuto del nostro personale addetto.

E’ opportuno considerare che le operazioni d’imballo devono essere fatte in un certo modo, per non rischiare di raddoppiare inutilmente il volume di materiali e mobilio.

  • Due mesi prima della data del trasferimento (se si ha la possibilità visto che esistono casi di traslochi tempestivi) è bene chiamare la ditta per un sopralluogo e fare un’ipotesi di preventivo.
  • Mentre si attende la data effettiva dello spostamento o comunque del primo viaggio di trasporto, è importante non dimenticare di fare una lista delle pratiche burocratiche da svolgere:
  • Luce e gas: Pensare ai nuovi contratti con i fornitori di energia elettrica e gas. Si può approfittare del trasloco per cambiare le utenze e scegliere l’offerta più conveniente sul mercato. Sono svariati i fornitori che ti consentono di avere l’offerta più adatta alle tue esigenza: Enel, Iren, Sorgenia e molti altri. Fai attenzione a stipulare un contratto di fornitura adatto alle tue esigenze e alla nuova abitazione, che potrebbe avere una classe energetica diversa dalla precedente, un’esposizione diversa, etc…
  • Acqua: avvisare con almeno 3 settimane di anticipo la disdetta. Se si vive in condominio, generalmente non si deve dare in quanto l’acqua è condominiale.
  • Telefono ed internet: Ormai ogni casa necessita di una connessione ad internet, è bene quindi verificare la copertura internet all’interno della nuova abitazione. Se si ha Fastweb come gestore è possibile utilizzare il loro servizio gratuito copertura Fastweb.

Per il telefono è necessario avvisare il gestore circa un mese prima del trasferimento, le modalità variano da gestore a gestore.

  • Anagrafe: per il cambio di residenza
  • Medico: recarsi presso l’Azienda o l’Unità Sanitaria Locale e scegliere un medico disponibile, l’assegnazione è immediata.
  • Rifiuti: ricordarsi di dare disdetta al comune per la vecchia abitazione e registrarti al nuovo (se cambi comune).

Una settimana prima del trasloco rimarranno da imballare le ultime cose, contrassegna tutto ciò che per te è fondamentale per le tue attività più urgenti e che sarà più facile reperire tra le diverse scatole, i grandi imballi che verranno trasportati.
Dopodichè, organizzatevi con l’idraulico e l’elettricista per eventuali allacciamenti nei nuovi locali.
Infine, fate o chiamate una ditta per fare le pulizie nella nuova sede.

Comments are closed.